By 31 Agosto 2021Mercato, Tecnologia

Nel corso della World Artificial Intelligence Conference di Shanghai, la Pony.ai ha annunciato l’intenzione di commercializzare, nel 2023, un pacchetto completo di sistemi per la guida automatizzata di quarto livello. Tra tutte le nuove vetture oggi sul mercato automobilistico, una buona parte è dotata di sistemi di assistenza alla guida, ma nessuna auto in commercio ha mai raggiunto il quarto livello. 

Per per fare una classifica dei diversi gradi di autonomia delle auto l’Istituto Federale di Ricerca per i Trasporti e la Mobilità tedesco ha stilato una graduatoria definendo i cinque differenti livelli di guida autonoma.

I cinque livelli di guida autonoma

Al primo livello troviamo la guida assistita con il più noto dispositivo, il Cruise Control. Al secondo, la guida semi-autonoma con sistemi di assistenza che mantengono la vettura nella giusta corsia e alla corretta distanza di sicurezza dal veicolo che la precede. Il terzo livello è la guida altamente automatizzata: in questo caso le auto possono guidare autonomamente in situazioni ben definite (autostrade o aree in cui il traffico è intenso). Il quarto livello definisce la guida completamente automatizzata, dove l’auto guida autonomamente per la maggior parte del tempo (nessuna auto di serie ha attualmente questa dotazione) e, infine, il quinto e ultimo livello è dedicato alla guida autonoma che prevede auto super intelligenti connesse con le infrastrutture e anche con gli altri veicoli. 

Pony.ai: nel 2023 guida automatizzata di quarto livello

L’azienda cinese, che ha iniziato i test su strada nel 2018 e non ha mai smesso la sperimentazione continuando a far circolare dei robotaxi nelle strade delle principali città cinesi e americane, ha raccolto nel 2020 nuovi fondi, avendo tra i maggiori investitori Toyota.

Il sistema sviluppato e attualmente testato è basato sui sensori LIDAR prodotti dalla Luminar, capaci di rilevare oggetti in un raggio di azione di 500 metri a 360 gradi, mantenendo ingombri molto ridotti e pratici.

Entro il 2023, questa la promessa, il pacchetto di sistemi verrà commercializzato e potrà essere posto comodamente sopra ai tetti dei veicoli.