Nel corso del 2020, numerosi stati europei hanno messo a disposizione incentivi per l’acquisto di veicoli elettrificati, una strategia che ha senz’altro decretato l’impennata nel mercato dell’elettrico testimoniata dai numeri diffusi da Acea. Quest’ultima, infatti, ha recentemente rilasciato i dati delle immatricolazioni 2020, dai quali si può facilmente dedurre una netta crescita delle motorizzazioni green. Nell’ultimo trimestre, addirittura, è stata venduta un’auto ricaricabile ogni sei, per un totale di circa mezzo milione di elettriche e ibride plug-in immatricolate negli ultimi 12 mesi.

Nel mercato italiano la crescita è risultata ancora più drastica, con l’acquisto – solo nell’ultimo trimestre – di un quantitativo di auto elettriche e ibride plug-in pari a quello venduto nei primi nove mesi del 2020.

In calo benzina e diesel

A questa forte crescita nel mercato dell’elettrico globale è corrisposto un calo sostanziale nelle vendite di veicoli a benzina e diesel, sebbene questi ultimi continuino a rappresentare la maggior parte dei veicoli venduti. I numeri, però, parlano chiaro: la flessione resta evidente e, mentre il mercato del gasolio ha perso – dal 2019 al 2020 – oltre un milione e mezzo di unità, quello della benzina è arrivato quasi a un dimezzamento.

Il decremento è evidente anche all’interno del mercato italiano, dove le immatricolazioni di veicoli a benzina sono passate da 852.799 nel 2019 a 522.694 nel 2020 e quelle dei veicoli a gasolio da 763.100 a 452.061 unità.