Il Sistema di Previsione dei Valori Residui

Nota metodologica

Terza versione – Settembre 2018

i valori residui futuri

In un mercato dinamico e con formulazioni commerciali sempre più composite e integrate con strumenti finanziari, le necessità informative degli operatori del settore automotive, riferite al valore dell’usato, non si risolvono più con la disponibilità delle quotazioni, ma richiedono una “visione” dell’andamento futuro economico che un veicolo, nuovo o usato, avrà nel tempo.

Per questo motivo Quattroruote Market Analysis produce le previsioni delle quotazioni. Previsioni disponibili sui nostri prodotti professionali e alla base per analisi e studi. Generate dal “Sistema di Previsione dei Valori Residui” (SPVR) progettato e sviluppato per garantire questi principi generali:

  • produrre previsioni affidabili e solide e rispondenti ad un metodo statistico documentato
  • sia in grado di integrare nel processo informazioni esogene, cioè non disponibili nelle banche dati al momento della previsione
  • possa fornire risultati spiegabili e interpretabili agli operatori del settore

SPVR è composto da varie parti, tra di loro collegate e se necessario interoperanti, l’impianto statistico è pensato per prevedere il valore residuo percentuale per tutte le autovetture e i Veicoli Commerciali Leggeri (VCL) venduti sul mercato italiano con queste esclusioni. Il risultato ottenuto, sono le previsioni delle quotazioni di vendita e delle quotazioni di ritiro per veicoli nuovi (immatricolati nel momento di consultazione della previsione) o usate per un periodo temporale di 5 anni di vita del veicolo stesso.

Le previsioni, risultato nel modello statistico, vengono costantemente monitorate dagli esperti di Quattroruote, che attraverso meccanismi di propagazione degli effetti, coerente ed ancorato ai parametri esplicativi del medesimo sistema statistico, possono integrare nelle previsioni fattori non presenti nei dati di input dall’ambiente statistico

La verifica della bontà delle previsioni viene effettuata attraverso un confronto retrospettivo con le quotazioni dell’usato di Quattroruote: accurati processi di back-testing permettono di monitorare costantemente le performance del sistema e nel caso le performance stesse degradino oltre